Ho visto “Mary Shelley” di Haifaa al-Mansour

Presentato al Torino Film Festival 2017, il film segue la storia di Mary Godwin Wollstonecraft, dai 16 anni e quindi dall’incontro con Percy Bisshe Shelley fino alla pubblicazione del suo capolavoro, Frankenstein, o il moderno Prometeo.
Come in tutti i biopic la vicenda originale viene di molto sfrondata in fase di scrittura e tuttavia mantiene gli elementi essenziali del percorso umano e letterario di questa donna, anticonformista e femminista ante litteram, ad un’età in cui le giovani d’oggi neppure se lo sognano. Mi pare persino ozioso raccontare la trama e il clima di libertinaggio in cui vivevano i due poeti, Shelley e Lord Byron. Più interessante è apprendere la genesi del capolavoro di Mary Godwin, allora non ancora maritata Shelley in quanto il poeta era vincolato da un precedente matrimonio.
Nel maggio del 1816, Percy e Mary, sempre con la sorellastra Claire al seguito, soggiornano a casa di Lord Byron a Ginevra. Claire è già incinta di quest’ultimo. In casa c’è anche il medico John William Polidori. In una sera di tempo poco clemente il gruppetto decide di fare un gioco: ognuno deve esercitarsi a scrivere una storia con elementi soprannaturali. Come in trance, Mary compone di getto quello che diventerà Frankenstein, o il moderno Prometeo. L’autrice si deve però scontrare con il maschilismo imperante nell’editoria, nessuno vuole pubblicare una storia simile scritta da una donna, per di più diciottenne. Infine un editore accetta, a patto che sia anonimo e preceduto da una prefazione di Shelley. Nasce così il mito di Frankenstein. Successivamente riuscirà ad avere il suo nome sul libro ad opera del padre Wlliam Godwin, filosofo e libraio. Ma a quel tempo sarà già sposata con Shelley.
Il cast è composto da giovanissimi attori: Elle Fanning (Mary Shelley), Bel Powley (Claire Clairmont), Douglas Booth (Shelley), Tom Sturridge (Byron), Ben Hardy (Polidori). La curiosità se mai è che la regista è saudita (Haifaa al-Mansour, quella di Wadjda-La bicicletta verde) e si cimenta con una storia che più inglese non si può. Universalità del cinema! Già visto al TFF 2017.
Da vedere in coppia in una domenica pomeriggio piovosa.

Share this nice post:
Questa voce è stata pubblicata in Cinema. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ho visto “Mary Shelley” di Haifaa al-Mansour

  1. marco scrive:

    L’articolo mi è piaciuto molto. Mi ha fatto scoprire qualcosa di nuovo, in particolare su come ha visto la propria nascita uno, credo, dei romanzi della letteratura straniera più letti e sicuramente uno dei film più visti della cinematografia mondiale. Il film dovrò vederlo senz’altro, prima o poi. Grazie per il post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*