Serata speciale con i Trouveur Valdotèn

Il meglio che la Valle d’Aosta in questo momento può offrire – nel senso del bello e del buono – era ieri sera in trasferta a Torino, grazie ai Trouveur Valdotèn che hanno continuato nella tradizione di proporre un concerto di fine anno al FolkClub di via Perrone. Omaggio commosso al suo fondatore, il compianto Franco Lucà, e un rapporto affettuoso che da sempre li lega anche al figlio Paolo. Questi trovatori valdostani hanno festeggiato nel 2019 i 40 anni di attività, mamma Liliana Bertolo e papà Sandro Boniface, qualche anno meno i figli Rémy e Vincent che pure sono entrati in ditta quando erano ancora infanti e da più grandicelli sono diventati insegnanti di organetto diatonico proprio al FolkClub. Il mese di dicembre di solito vede i Trouveur Valdotèn infaticabili protagonisti in chiese e frazioni valdostane con il loro repertorio natalizio. Proposta che ieri ha convinto anche il pubblico torinese che ha applaudito a lungo la loro esibizione.   Non solo di brani natalizi – parte del loro progetto Tsantèn Tsalènde – Noël dans les Alpes – si è trattato, ma anche di incursioni al di là e al di qua delle Alpi alla ricerca di canti e melodie conservati gelosamente per secoli nei villaggi più sperduti, poi tramandati e giunti fino a noi grazie soprattutto a ricercatori delle migliori tradizioni franco-provenzali come Liliana e Sandro. E non è mancato un omaggio alla  più importante cantautrice valdostana, Magui Bétemps. Il tutto condito da qualche allegra monferrina, anche queste frutto di una rigorosa ricerca filologica.
Con le sue spiegazioni, sorta di didascalie verbali per ogni brano, Liliana Bertolo ha accompagnato il pubblico lungo secoli di storia del patrimonio culturale alpino ma soprattutto ha saputo ricreare l’atmosfera delle veglie popolari di una volta. Uno spuntino a base di prodotti tipici valdostani – fontina, boudin e saucisse, lardo e mocetta, vin de la petite patrie – generosamente organizzato da Sandro Boniface (se vi immaginate Babbo Natale in carne e ossa, ecco è lui!) ha messo il suggello alla serata natalizia. Obiettivo centrato, messaggio ricevuto, grazie cari Trouveur e buon Natale a voi.
Liliana Bertolo Boniface: canto; Sandro Boniface: fisarmonica, organetto diatonico, voce; Rémy Boniface: violino, ghironda, organetto diatonico, voce; Vincent Boniface: occorrerebbe una intera enciclopedia per descrivere tutto quello che sa magistralmente suonare.

Share this nice post:
Questa voce è stata pubblicata in Musica, Teatro, Torino e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*