Ho letto “Hap & Leonard – Sangue e limonata” di Joe R. Lansdale

A volte, però, non avere un fico secco da combinare è la cosa più bella che ci sia al mondo.
Da tempo ci si interrogava su come fosse nata l’amicizia tra Hap Collins e Leonard Pine. Ad un certo punto ce li siamo ritrovati con una incredibile serie di indagini e avventure, ma non abbiamo mai saputo come si sono conosciuti e come sono diventati un sodalizio inscindibile. Ecco, la risposta è arrivata con questo volumetto pubblicato quest’anno, ma che nei Paesi anglosassoni avevano conosciuto fin dal 2016 con l’ovvio titolo di Blood and Lemonade. In esso Lansdale ha raccolto una serie di quattordici short stories che raccontano la giovinezza dei due scapestrati detective. In verità più di Hap, che comunque è sempre l’io narrante di questa serie di romanzi dello scrittore texano, che di Leo. 
Nella postfazione è lo stesso Joe R. Lansdale che ci invita a goderci il viaggio nell’infanzia e nell’adolescenza dei due e ci confessa che nel primo romanzo (Una stagione selvaggia, 1990) ancora non sapeva che cosa sarebbe stato di loro. Da allora tutte le avventure si sono susseguite divertenti e imprevedibili.  Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , | Lascia un commento

Ho letto “La ferita dell’aprile” di Vincenzo Consolo

L’aria incensata non stonava alla fine col mangiare: l’agrodolce il pepe la menta il rosmarino; il vino gilepposo; la cannella il garofano il mandarino i pistacchi nella crema dei cannoli.
Mi è sembrato utile concludere il mio excursus nella narrativa di Vincenzo Consolo (i titoli letti sono riportati qui in fondo e rimandano ai miei commenti, opere peraltro contenute in uno splendido volume dei Meridiani) leggendo La ferita dell’aprile, pubblicato nel 1963, quando lo scrittore di Sant’Agata di Militello era appena trentenne. La ferita dell’aprile si rifa alle esperienze giovanili di Consolo (quasi un’autobiografia non dichiarata) in una Sicilia appena uscita dalla guerra e che porta ancora i segni del fascismo, dei bombardamenti, del passaggio degli americani che distribuivano pacchi di conforto.
Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Vertigini” di W.G. Sebald

Vertigini è stata la mia prima lettura di Sebald. Ho già avuto modo di scrivere di averlo scoperto attraverso un’intervista di una dozzina di anni fa a John Banville, altro mio scrittore di culto. Al suo interlocutore Banville indicava W.G.Sebald come un potenziale grande scrittore europeo e probabile vincitore di un premio Nobel per la letteratura se non avesse avuto quel malaugurato incidente che ne aveva stroncato la vita a soli cinquantasette anni. Dopo di allora ho letto praticamente tutto quanto di Sebald è stato pubblicato in italiano. Fino a quello straordinario e illuminante insieme di saggi e conversazioni che Lynne Sharon Schwartz ha raccolto in Il fantasma della memoria, edito da Treccani. Per le suggestioni ricavate da questo libro mi è venuta la curiosità di rileggere Vertigini.
È un libro di viaggi che contiene quattro racconti, ognuno dedicato a diverse peregrinazioni in Italia e non solo, fatte dall’autore e da altri personaggi. Più precisamente a Vienna, Venezia, Verona, lago di Garda, Alpi bavaresi. Dietro ai suoi resoconti si nascondono o si palesano personaggi come Stendhal, Casanova, Kafka. Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Viaggi | Contrassegnato , | Lascia un commento

Ho letto “Rubè” di Giuseppe Antonio Borgese

Invece della pace che tutti aspettavamo, è venuto questo castigo di Dio che si chiama dopoguerra, per non sapere che nome più appropriato affibbiargli.
Nell’accostarmi alla lettura di Rubè, capolavoro della letteratura italiana del primo Novecento, mi astraggo dalla grande produzione saggistica e di critica letteraria dell’autore, Giuseppe Antonio Borgese (Polizzi Generosa 1882 – Fiesole 1952), che pure, giova ricordare, fu uno dei diciotto docenti universitari (su oltre 1200) a non prestare giuramento di fedeltà al fascismo. Tuttavia troviamo nella figura del protagonista Filippo Rubè alcune caratteristiche dell’autore: i natali a Polizzi Generosa che nel romanzo diviene Calinni, la posizione favorevole all’intervento nella I guerra mondiale. Il romanzo, pubblicato nel 1921, gli procurò non pochi appunti dai critici coevi che lo accusarono di eccessivo intellettualismo. Ma è proprio quel mondo, uscito disintegrato dalla Grande Guerra e incapace di decidere quale direzione prendere, che Borgese intende mettere sotto la propria lente d’ingrandimento. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Lascia un commento

Montandon e il fascino della luna di Consolo

Non conoscevo Pietro Montandon. Devo a una segnalazione di Claudio Masetta Milone, attento conservatore della memoria di Vincenzo Consolo in quel di Sant’Agata di Militello nonché animatore dell’Associazione Amici di Vincenzo Consolo, se sono arrivato a questo spettacolo ieri sera al Teatro Erba di Torino. Anche la mia conoscenza dello scrittore siciliano è stata tardiva ma presto è diventato una delle mie letture predilette. Lunaria è una favola teatrale su un tema letterario antichissimo, la luna appunto. Ero proprio curioso di vedere come Montandon lo avrebbe portato in scena. Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Teatro | Lascia un commento

Ho letto “La verità su Amedeo Consonni” di Francesco Recami

Eravamo rimasti a interrogarci se Amedeo Consonni fosse vivo o morto (Morte di un ex tappezziere), poi avevamo visto l’andamento della casa di ringhiera in assenza del suo personaggio più significativo (Il diario segreto del cuore). Ora Recami ci ripropone la vita di quel complesso di appartamenti in via Accademia 14 a Milano. Se nella puntata precedente, assente l’Amedeo (L’esecuzione del tappezziere aveva goduto di una grande attenzione mediatica), la scena era stata presa tutta dai figli del Giorgi, Margherita e Gianmarco, alle prese con i traumi della pubertà, con questo nuovo libro tutti i pittoreschi personaggi che popolano la casa di ringhiera riconquistano il loro giusto spazio. Con la sorpresa del Consonni che non era affatto morto ma, cambiato nome e messo sotto protezione, era in attesa di testimoniare al processo contro gli slavi per la strage nella ex discoteca di Corsico e per la tratta delle giovani schiave dell’est. Mi sono portato avanti, ma occorre fare un passo indietro.
Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Lascia un commento

Ho letto “Il coltello” di Jo Nesbø

Funziona grazie a una lente di Fresnel che registra i raggi infrarossi emessi dal calore di animali, persone e quant’altro. Quando la temperatura cambia rispetto all’ambiente circostante la ripresa si avvia in automatico.
Harry Hole ha ricominciato a bere e passa da una tremenda sbornia ad un’altra. Non riesce a darsi pace di essere stato cacciato di casa dalla moglie Rakel dopo averle confessato, anzi non negato, una scappatella. Tuttavia è stato abbastanza lucido da installare un rilevatore di selvaggina sugli alberi proprio di fronte alla loro originale casa di tronchi. Questo perché entrambi hanno ricevuto minacce di morte da uno stupratore seriale, Svein Finne, dapprima condannato grazie all’indagine condotta da Hole, e poi tornato libero. In una puntata precedente della saga il biondo e dinoccolato poliziotto norvegese (è alto 1,93) aveva ucciso un suo figliastro.
Il rilevatore è un’arma a doppio taglio, perché inchioda Hole mentre si reca dalla moglie proprio nella notte in cui viene uccisa a coltellate. Quella sera era a sbronzarsi fino a perdere conoscenza con un collega nel solito pub e la mattina dopo quando si risveglia a casa propria si trova le mani e gli abiti imbrattati di sangue.
Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Il fantasma della memoria” conversazioni con W.G.Sebald

Un articolo di Avvenire dell’8 agosto scorso a firma Massimo Onofri segnalava l’uscita di questo bel libro, curato in inglese nel 2007 da Lynne Sharon Schwartz e ora riproposto dalla Treccani. È una raccolta di saggi, interviste, conversazioni che esplora l’opera del grande scrittore tedesco W.G. Sebald.
Ero arrivato a Sebald nel 2011 leggendo un’intervista a John Banville che lo indicava come un grande della letteratura europea. Avevo iniziato la sua lettura partendo da Vertigini, un libro di viaggi, quattro racconti di peregrinazioni in Italia, dell’autore e di altri personaggi, un soldato napoleonico (Stendhal?), un certo K. dietro al quale non è difficile riconoscere Kafka. Poi sono incappato in un saggio di Tim Parks, risalente al 2000 e pubblicato da The New York Review of Books, che ora apre questo volume e che analizza proprio Vertigini. Da allora in poi ho letto tutto Sebald e mi accingo a rileggerlo perché questo scrittore prematuramente scomparso a 57 anni in un incidente stradale nel 2001 riserva sempre sorprese a ogni rilettura. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento

Ho letto “L’anno 3000” di Paolo Mantegazza

L’uomo consuma nelle battaglie d’amore un’energia molto superiore a quella che spende una donna. E se lo dice il Mantegazza...
Parto da questa citazione di Emerenziano Paronzini (Ugo Tognazzi) tratta dal film di Alberto Lattuada Venga a prendere il caffè da noi (1970), a sua volta ispirato al romanzo La spartizione di Piero Chiara (1964) per inquadrare Paolo Mantegazza (Monza 1831 – Lerici 1910), medico fisiologo, antropologo, divulgatore scientifico e culturale, scrittore. Fu anche patriota e uomo politico e da parlamentare del Regno avversò la famosa ‘tassa sul macinato’. Recentemente ho scoperto di aver avuto nella famiglia di mio padre una ascendente di nome Luigia Mantegazza. Mi sono ricordato così del fisiologo dal film con Tognazzi e ho trovato, tra infinite pubblicazioni scientifiche, un paio di suoi romanzi. Uno è Testa (1887), risposta ragionata al Cuore di DeAmicis di cui rappresenta il seguito. L’altro è questo libro, un romanzo satirico fantapolitico del 1897 considerato uno dei primi esempi di fantascienza italiana. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

“Mai morti” un monologo sempre attuale

Prodotto dal Teatro della Cooperativa, Mai morti è stato scritto da Renato Sarti ed è interpretato da Bebo Storti, attore drammatico (è stato l’avv. Coppi nel film Il traditore di Marco Bellocchio), ma lo ricordo in tante interpretazioni comiche ad iniziare dal Conte Uguccione a Mai dire gol. Il titolo del monologo, Mai morti, prende a prestito il nome di uno dei più terribili battaglioni della Decima Mas che operò a fianco dei nazisti nella repressione anti partigiana.
Lo spettacolo, un monologo incalzante di sessanta minuti, risale al 2000, quindi è piuttosto datato. Visto qualche giorno fa al Teatro Astra di Torino per la stagione del TPE, Mai morti rivela tuttavia ancora oggi la sua drammaticità e attualità, soprattutto se messo in relazione con quanto sta accadendo di questi tempi nelle nostre piazze, virtuali e reali.  Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Teatro, Torino | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento