Archivi tag: Guanda editore

Ho letto “Quel che sa la notte” di Arnaldur Indriðason

Torna la figura di Konrad, il poliziotto in pensione che era già apparso in Una traccia nel buio. Chi meglio di lui può indagare su un cold case, riaperto dopo che è stato rinvenuto il cadavere di un uomo di … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ho letto “La città dove le donne dicono di no” di Alessandro Banda

Mi trovavo a Merano per una breve vacanza e come sempre quando sono fuori sede cerco qualcosa da leggere che sia ambientato nel luogo in cui mi trovo. Dopo una breve ricerca mi sono imbattuto in Alessandro Banda, uno scrittore … Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Montagna | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ho letto “La ragazza della nave” di Arnaldur Indriðason

A noi orfani di Erlendur Sveinsson (12 storie tutte pubblicate da Guanda) non rimane che seguire la nuova serie ambientata negli anni della seconda guerra mondiale e dell’occupazione della neutrale Islanda da parte degli alleati che temevano una invasione dei … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ho letto “Isabel” di John Banville

E’ stato sublime leggere Isabel subito dopo aver letto Ritratto di signora. Senza soluzione di continuità si passa da un romanzo ottocentesco a uno scritto 135 anni dopo ed è stupefacente ritrovare lo stesso stile, le medesime atmosfere, ovviamente gli … Continua a leggere

Pubblicato in Francia, Libri | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Il commesso viaggiatore” di Arnaldur Indriðason

Sono un cultore di Indriðason, come si può evincere dalle recensioni di tutti i romanzi pubblicati in Italia da Guanda della serie di Erlendur Sveinsson. Non so se lo scrittore islandese abbia abbandonato definitivamente il commissario di Reykjavík (spero che … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Il cerchio si chiude” di John Banville

Quirke si compiacque di aver ritrovato in fretta e senza sforzo il suo tono autoritario, brusco, quella punta di insofferenza altezzosa. Per fare il capo, era necessario imparare a fare l’attore. Ritroviamo Quirke dopo un lungo periodo di congedo per … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento