Archivi tag: Vincenzo Consolo

Ho letto “La ferita dell’aprile” di Vincenzo Consolo

L’aria incensata non stonava alla fine col mangiare: l’agrodolce il pepe la menta il rosmarino; il vino gilepposo; la cannella il garofano il mandarino i pistacchi nella crema dei cannoli. Mi è sembrato utile concludere il mio excursus nella narrativa … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Nottetempo, casa per casa” di Vincenzo Consolo

Nel vaporar della terra, nel tremolar dell’aria, nella sospensione assorta, trovano varco i sogni, le apparizioni, i sortilegi, i suoni di campani, di zufoli lontani, i fischi sinistri sui binari.  Nottetempo, casa per casa si può leggere in vari modi, … Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Mare | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Lunaria” di Vincenzo Consolo

La luna è un tema letterario antichissimo, nei secoli ha sempre attratto e ispirato poeti e scrittori, basti pensare, per tutti, a Leopardi, Pirandello, Calvino e prima ancora San Francesco e Dante. Vincenzo Consolo nel 1985 ha pubblicato Lunaria una … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “L’olivo e l’olivastro” di Vincenzo Consolo

Va lo smarrito marinaio, il pellegrino delle macerie, delle tombe, per il villaggio perso, va gravato di ricordi, dell’orrore di uno scheletro legato alla polena, d’un albero trafitto appeso al collo. Credo di non poter più andare in Sicilia senza … Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Mare | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ho letto “La vedova scalza” di Salvatore Niffoi

Non avevo mai letto Salvatore Niffoi, nonostante le sollecitazioni di un amico sardo. Qualche settimana fa mi è capitato tra le mani La vedova scalza, che nel 2006 ha vinto il Premio Campiello. Scopro così lo scrittore barbaricino dalla narrazione … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Strabismo di Venere” di Paolo Chicco

Sarà paradossale ma devo a Vincenzo Consolo la scoperta di Paolo Chicco. Da un anno sono affascinato dagli scritti dell’intellettuale siciliano scomparso nel 2012 e la scorsa estate mentre ero in vacanza a Cefalù leggevo i suoi libri (alcuni lo … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ho letto “Retablo” di Vincenzo Consolo

Rosalia. Rosa e lia. Rosa che ha inebriato, rosa che ha confuso, rosa che ha sventato, roso che ha róso, il mio cervello s’è mangiato. Rosa che non è rosa, rosa che è datura, gelsomino, bàlico e viola; rosa che … Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Viaggi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Noterelle siciliane 5 – I Circoli Unione

Ma questa è l’ora classica del Circolo: già da un pezzo l’inserviente ha messo in bell’ordine le sedie sulla banchina, a vari reparti secondo i crocchi che si formeranno, coi giornali nelle stecche a portata di mano; e lui stesso … Continua a leggere

Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Esercizi di cronaca” di Vincenzo Consolo

E’ il quarto e ultimo libro di Vincenzo Consolo letto durante la mia vacanza siciliana. E devo dire che mai come questa volta mi sono sentito in sintonia con il territorio dove mi sono trovato. Esercizi di cronaca, lo dice … Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Politica, Società, Viaggi | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Ho letto “Lo Spasimo di Palermo” di Vincenzo Consolo

Lo scrittore Gioacchino Martinez è a Parigi dove vuole incontrare il figlio Mauro, che in Francia vive nascosto per motivi che Consolo non lascia intendere, si presume politici o forse perché incalzato dalla mafia. Lo scrittore è tormentato dai ricordi … Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Politica, Società, Viaggi | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento